Tre articoli tre, Natale edition

Come (quasi) ogni venerdì, tre articoli tre. Ma se ne volete in più, non c’è problema: basta andare qui. Oggi ci dedichiamo al Natale (e a cosa sennò). Giuro che sarò breve e vi ruberò solo pochi minuti, prima di lasciare che vi dedichiate a biscotti allo zenzero, panettoni farciti, paste al forno e altre amenità (oppure alle ultimissime consegne sul filo di lana!).

UNO
A ognuno il suo librovabbè, suggerimentone scontatone, però io amo Il Post e il loro modo di scrivere, e quindi non potevo esimermi. Anche se le persone nella mia vita che apprezzerebbero un libro come regalo sono davvero poche, e per quelle poche (non a caso) ho già mille altre idee.

DUE
12 language arguments to debate over Christmas dinner
: non so voi, ma potendo scegliere la mia cena della Vigilia, o pranzo di Natale, ideale, sarebbe (anche) quello dove i commensali discutono di questioni come quelle citate nel post. Sarò malata io, probabilmente (sicuramente).

TRE
15 parole che caratterizzano il 2016: per proiettarci verso il 2017. Di “parole dell’anno” abbiamo già parlato qui; tra quelle suggerite, comunque, io non ho alcun dubbio (!)

Buona lettura e naturalmente Buonissime Feste a tutti voi!